Project

Cosa?

L'obiettivo del progetto COBHAM (in collaborazione con il CMCC e il Politecnico di Milano) è quello di studiare il comportamento e le interazioni tra gli individui, nonché il loro impatto sull'efficienza energetica e sulla mitigazione dei cambiamenti climatici.

Questo progetto di ricerca intende prima di tutto migliorare la nostra comprensione delle relazioni esistenti tra il comportamento umano e l’ambiente. In secondo luogo, il progetto svilupperà modelli in grado di rappresentare l'eterogeneità e le complesse dinamiche decisionali degli individui, il ruolo delle interazioni sociali e la presenza di tendenze e distorsioni comportamentali.

Con l’idea di andare oltre le analisi standard delle politiche energetiche e climatiche in presenza di esternalità ambientali, il progetto integra infatti discipline anche molto diverse tra loro come economia comportamentale, reti complesse, analisi dei big data e modellistica di valutazione integrata.

Nello specifico, il progetto di ricerca si occupa di:
  • comprendere e testare le potenzialità degli interventi sui comportamenti per promuovere l'efficienza energetica e l'adozione di tecnologie verdi e di azioni concrete a favore dell'ambiente;
  • rappresentare tramite modelli la risposta della domanda di energia a queste politiche, utilizzando i big data registrati da dispositivi e contatori intelligenti;
  • realizzare un modello di valutazione integrata basato sui comportamenti allo scopo di valutare al meglio le politiche energetiche e climatiche.

A questo scopo, il progetto fornirà quindi una caratterizzazione più completa della risposta della domanda alle politiche e valuterà l'impatto degli interventi comportamentali e di quelli tradizionali per la riduzione delle emissioni. Questo permetterà di dare un contributo concreto alla realizzazione di nuovi strumenti per la politica, volti a favorire un comportamento sostenibile in campo energetico e ambientale.
Per ottenere stime affidabili sull'efficacia di questi interventi comportamentali, verranno quindi impiegati diversi metodi formali:

  • i metodi di randomizzazione - come i Randomized Control Trials realizzati in laboratorio o in remoto - ci permetteranno di valutare la relazione causale tra gli interventi delle politiche e i comportamenti individuali a favore ambiente, attraverso il confronto tra gruppi di analisi e di controllo;
  • l’analisi statistica delle grande quantità di dati provenienti dai contatori intelligenti e dalle piattaforme online (Big data analytics) ci permetterà di comprendere ed analizzare la risposta della domanda alle politiche;
  • le simulazioni realizzate tramite modelli numerici ci permetteranno infine di valutare gli impatti delle politiche climatiche ed energetiche sul welfare.


COBHAM è quindi un progetto di grande rilevanza per la politica pubblica, sia in ottica europea in tema di efficienza energetica ed emissioni, che per la sua applicabilità al più ampio contesto del comportamento e dei consumi etici.

Perché?

Questo progetto nasce dalla convinzione - maturata come membro attivo della comunità internazionale di modellisti del clima e come autore del rapporto di valutazione dell'IPCC - che le valutazioni delle politiche energetiche e climatiche siano al momento prive di un elemento fondamentale. Si tratta della comprensione e della caratterizzazione dell’effettivo comportamento dei consumatori a fronte di queste politiche.

L'attuale generazione di modelli si concentra infatti sugli stylized representative agents che non sono in grado di riprodurre l'eterogeneità delle preferenze dei consumatori e delle loro risorse, la complessità e le caratteristiche delle funzioni di utilità degli agenti, e le tendenze comportamentali che influenzano molte delle nostre scelte quotidiane.

In campo energetico, viene largamente riconosciuto che le aziende, ma soprattutto i consumatori, non intraprendono di norma investimenti redditizi di propria iniziativa a causa di un qualche tipo di inefficienza, imponendo a loro stessi ciò che gli psicologi chiamano norm of internality. Questo si traduce in una diffusa sottostima da parte del consumatore dei costi energetici nelle decisioni che contano per i consumi, un fenomeno che ha sconcertato i ricercatori a tal punto che è stato coniato il termine Energy Paradox.

Quando sono presenti sia esternalità che eterogeneità dei comportamenti e tendenze dei consumatori, la natura e la forma dell'intervento di politica pubblica deve cambiare, per poter risultare efficiente. Questo perché le due richiedono diverse tipologie di azioni governative: ad esempio, fissare un prezzo corretto ad una risorsa per affrontare il problema delle esternalità da un lato, e dall’altro stabilire dei sussidi per influenzare i comportamenti.

Non solo, queste due componenti interagiscono tra loro in un modo tale che risulta impossibile affrontarle separatamente. Anche se i prezzi fossero fissati correttamente, gli individui potrebbero lo stesso dedicarsi ad attività economica inefficienti a causa di informazioni inadeguate, di anomalie comportamentali come i pregiudizi, o il bounded self-control.

È quindi molto importante questa nostra attività di ricerca che mira a comprendere e a modellizzare l’interazione reciproca tra gli interventi standard di politica ambientale e le caratteristiche e la reattività del comportamento dei consumatori.

Il nostro lavoro di ricerca dovrà quindi partire dalla teoria economica standard di scelta dello strumento. Ma occorrerà trovare delle sinergie tra diverse teorie e legare tra loro la finanza pubblica comportamentale, l’economia sperimentale, l’economia ambientale ed ecologica, e le politiche sulla tecnologia.

Questo progetto è stato ideato a questo fine, per realizzare una ricerca innovativa per la valutazione del processo di realizzazione di politiche pubbliche, che tenga conto al tempo stesso di esternalità, internalità e preferenze eterogenee.

Obiettivi di ricerca

Il principale obiettivo di COBHAM è quello di sviluppare modelli e di calibrarli alla realtà. Questo servirà a disegnare politiche climatiche ed energetiche in grado di funzionare in un quadro con esternalità e internalità eterogenee.

A questo scopo, verranno quindi presi in considerazione diversi componenti che non sono mai stati affrontati in maniera congiunta. Innanzitutto, ci occuperemo delle preferenze dei consumatori - incluse le loro diverse dotazioni di capitale energetico, le loro preferenze non-standard e le loro interazioni sociali - e solo successivamente delle loro tendenze comportamentali, come impazienza, disattenzione, propensione allo status quo, ecc. In un secondo momento, assoceremo quindi i consumatori e le loro componenti comportamentali alla valutazione delle esternalità.

COBHAM vuole rispondere a tre importanti domande di ricerca:

- Qual è l'impatto delle preferenze non standard dei consumatori e delle interazioni sociali sul disegno delle politiche energetiche e climatiche?

Il modo in cui le politiche energetiche influenzano i consumi e le spese delle famiglie è una questione ancora avvolta da una notevole incertezza. Vi è tuttavia un fiorire - promettente - di studi, sia teorici che empirici, che indagano sul ruolo delle interazioni sociali sui processi decisionali individuali, e quindi sulle scelte di consumo. COBHAM analizzerà questa vasta letteratura per rispondere a questa importante domanda.

- Quali sono gli impatti delle tendenze comportamentali e delle internalità sulla progettazione delle politiche climatiche ed energetiche?

Ci sono ormai numerose prove empiriche del fatto che le tendenze comportamentali giochino un ruolo importante nei consumi energetici e nelle emissioni dei gas a effetto serra. Ad esempio, gli individui non tengono molto in considerazione i costi di gestione di un'automobile legati al carburante e pongono in generale un’attenzione limitata ai costi dell'energia, se non quando ricevono le bollette energetiche. Queste anomalie comportamentali suggeriscono che spesso gli individui non riescano a prendere adeguati provvedimenti in campo energetico anche se sarebbe nel loro interesse, giustificando così interventi politici di tipo paternalistico per correggere queste inefficienze. Uno dei contributi chiave di questo progetto sarà quello di incorporare le tendenze e le distorsioni comportamentali nell'analisi tradizionale delle politiche energetiche e climatiche.

- Quando prendiamo in considerazione le esternalità insieme alle preferenze non standard e alle internalità, qual è il mix ottimale tra diversi tipi di strumenti e politiche climatiche ed energetiche?

Comprendere la relazione tra internalità ed esternalità è la chiave sia per ideare l'insieme ottimale di strumenti politici, che per la valutazione di ciò che viene attualmente proposto nell'arena politica. In presenza sia di esternalità che di internalità, la tassazione standard pigouviana può migliorare non solo il benessere sociale, ma anche il benessere privato.

Ma d’altro canto, la sottovalutazione dei costi energetici a causa delle tendenze comportamentali può essere meglio affrontata con i sussidi piuttosto che con le tasse, suggerendo quindi l'uso di politiche sovrapposte.

Sviluppare strumenti che permettano di valutare contemporaneamente le politiche volte a correggere queste due principali fonti di inefficienza è pertanto una delle priorità della ricerca e della politica.

COBHAM è stato ideato per affrontare queste problematiche attraverso lo sviluppo di nuovi modelli integrati in grado di tenere in considerazione sia le esternalità che le caratteristiche comportamentali.

Impatti

COBHAM intende quindi migliorare la nostra comprensione dei meccanismi che portano i consumatori a rispondere alle politiche pubbliche. Non solo, quando si toccano questioni cruciali come quelle legate alle regolamentazione dell'uso dell'energia e alle emissioni, quali ne sono le implicazioni per il welfare?

Data l'importante rilevanza politica di queste problematiche per l'Europa, e la poca ricerca condotta finora in questo campo, questo progetto potrebbe essere determinante sia nel fornire una valutazione analitica del dibattito politico, che fornendo al processo politico stesso nuove proposte sulle quali poter confrontarsi.

Particolare cura e attenzione saranno dedicate alle attività di disseminazioni e di collaborazioni, attraverso pubblicazioni nella letteratura peer-reviewed, workshop e conferenze. COBHAM vuole infine garantire il massimo della trasparenza, fornendo l'accesso open source a tutti i materiali, alle banche dati, ai metodi e agli strumenti sviluppati nel corso del progetto.

Bibliografia

  1. Hausman, J. A. Individual discount rates and the purchase and utilization of energy-using durables. The Bell Journal of Economics 33–54 (1979).
  2. Allcott, H. & Greenstone, M. Is there an energy efficiency gap? (National Bureau of Economic Research: 2012).at <http://www.nber.org/papers/w17766>
  3. Hassett, K. A. & Metcalf, G. E. Energy conservation investment : Do consumers discount the future correctly? Energy Policy 21, 710–716 (1993).
  4. Jaffe, A. B. & Stavins, R. N. The energy paradox and the diffusion of conservation technology. Resource and Energy Economics 16, 91–122 (1994).
  5. Congdon, W. J., Kling, J. R. & Mullainathan, S. Policy and choice: public finance through the lens of behavioral economics. (Brookings Inst Press: 2011).at <http://books.google.it/books>
  6. Mullainathan, S., Schwartzstein, J. & Congdon, W. J. A Reduced-Form Approach to Behavioral Public Finance. Annu. Rev. Econ. 4, 511–540 (2012).
  7. Reiss, P. C. & White, M. W. Household electricity demand, revisited. The Review of Economic Studies 72, 853–883 (2005).
  8. Costa, D. L. & Kahn, M. E. Electricity Consumption and Durable Housing: Understanding Cohort Effects. (National Bureau of Economic Research: 2011).at <http://www.nber.org/papers/w16732>
  9. Gallagher, K. S. & Muehlegger, E. Giving green to get green? Incentives and consumer adoption of hybrid vehicle technology. Journal of Environmental Economics and Management 61, 1–15 (2011).
  10. Manski, C. F. Economic analysis of social interactions. (National Bureau of Economic Research: 2000).at <http://www.nber.org/papers/w7580>
  11. Schultz, P. W., Nolan, J. M., Cialdini, R. B., Goldstein, N. J. & Griskevicius, V. The constructive, destructive, and reconstructive power of social norms. Psychological Science 18, 429–434 (2007).
  12. Ayres, I., Raseman, S. & Shih, A. Evidence from two large field experiments that peer comparison feedback can reduce residential energy usage. (National Bureau of Economic Research: 2009).at <http://www.nber.org/papers/w15386>
  13. Allcott, H. Social norms and energy conservation. Journal of Public Economics 95, 1082–1095 (2011).
  14. Turrentine, T. S. & Kurani, K. S. Car buyers and fuel economy? Energy Policy 35, 1213–1223 (2007).
  15. Larrick, R. P. & Soll, J. B. The MPG illusion. SCIENCE 320, 1593 (2008).
  16. Attari, S. Z., DeKay, M. L., Davidson, C. I. & Bruin, W. B. de Public perceptions of energy consumption and savings. PNAS 107, 16054–16059 (2010).
  17. Allcott, H., Mullainathan, S. & Taubinsky, D. Externalities, internalities, and the targeting of energy policy. (National Bureau of Economic Research: 2012).at <http://www.nber.org/papers/w17977>
  18. Gabaix, X. & Laibson, D. Shrouded attributes and information suppression in competitive markets. (National Bureau of Economic Research: 2004).at <http://www.aeaweb.org/assa/2005/0109_0800_1103.pdf>
  19. Bernheim, B. D. & Rangel, A. Toward choice-theoretic foundations for behavioral welfare economics. The American economic review 97, 464–470 (2007).
  20. O'Donoghue, T. & Rabin, M. Optimal sin taxes. Journal of Public Economics 90, 1825–1849 (2006).
  21. Heutel, G. Optimal Policy Instruments for Externality-Producing Durable Goods under Time Inconsistency. (National Bureau of Economic Research: 2011).at <http://www.nber.org/papers/w17083>
  22. Allcott, H. The Welfare Effects of Misperceived Product Costs: Data and Calibrations from the Automobile Market. (Working Paper, New York University (January). Available at: https://files. nyu. edu/ha32/public/research. html>
  23. Milinski, M., Sommerfeld, R. D., Krambeck, H. J., Reed, F. A. & Marotzke, J. The collective-risk social dilemma and the prevention of simulated dangerous climate change. Proceedings of the National Academy of Sciences 105, 2291–2294 (2008).
  24. Tavoni, A., Dannenberg, A., Kallis, G. & Löschel, A. Inequality, communication and the avoidance of disastrous climate change in a public goods game. Proceedings of the National Academy of Sciences USA 108, 11825–11829 (2011).
  25. Levitt, S. D. & List, J. A. Field experiments in economics: the past, the present, and the future. European Economic Review 53, 1–18 (2009).
  26. Bosetti, V., Carraro, C., Galeotti, M., Massetti, E. & Tavoni, M. WITCH: A world induced technical change hybrid model. The Energy Journal 27, 13–38 (2006).
  27. Bosetti, V., Carraro, C., Massetti, E. & Tavoni, M. International energy R&D spillovers and the economics of greenhouse gas atmospheric stabilization. Energy Economics 30, 2912–2929 (2008).
  28. Bosetti, V., Carraro, C., Duval, R. & Tavoni, M. What should we expect from innovation? A model-based assessment of the environmental and mitigation cost implications of climate-related R&D. Energy Economics (2011).
  29. De Cian, E. & Tavoni, M. Do technology externalities justify restrictions on emission permit trading? Resource and Energy Economics 34, 624–646 (2012).