Quante volte ci è successo di comprare prodotti che i nostri conoscenti già possedevano, uno smartphone, semplicemente un app, o magari una macchina?

Com’è oramai noto, le decisioni che prendiamo sono spesso influenzate da quelle prese dai nostri amici o dai nostri vicini. Questo si riscontra in una varietà di contesti, dalle decisioni finanziarie, all’adozione di nuove tecnologie, in ambito educativo ed energetico. Decidiamo di imitare il comportamento altrui perché impariamo da loro, ad esempio perché crediamo che questi prodotti siano di alta qualità. Altre volte, desideriamo quel che gli altri già posseggono per ragioni di status, o perché, appunto, “l’erba del vicino è sempre più verde”. Talvolta, i due meccanismi si sovrappongono e non è facile capire qual è quello in atto. Nell’articolo che vi proponiamo questa settimana, Bursztyn e i suoi co-autori cercano di separare i meccanismi che sottostano agli effetti dei pari in ambito finanziario.

Vi sono gli stessi meccanismi in ambito energetico? Qual è il ruolo dei pari e della rete sociale in questo contesto?